The Vegetarian Chance

Nothing will benefit human health and increase chances of survival for life on earth as much as the evolution to a vegetarian diet (Albert Einstein)


Lascia un commento

Dal Belgio, Autumn: le ricette veg di Frank Fol

Frank Fol in cucina e sullo sfondo la coautrice del libro

Ritrovarsi chiusi in casa a lungo quando in natura l’autunno è al suo culmine è un ulteriore “botta” al nostro umore. Questa è la stagione di prodotti vegetali unici, che aiutano a comporre piatti golosi. Se noi non possiamo andare dall’autunno possiamo far sì che l’autunno venga da noi in cucina lo stesso usando il tempo per cimentarci in nuove ricette. C’è la tradizione, ma anche l’innovazione che oggi valorizza nei vegetali la freschezza, i colori e le combinazioni insolite. Il belga Frank Fol, “vegetable chef” come ama definirsi fa a tutti un regalo col suo nuovo ebook gratuito Autumn della serie Wild cooking.  Le ricette originali di Frank Fol, sono servite su piatti Wild Moon creati da Ilse De Vis, artigiana della ceramica. Il fotografo è Wim Demessemaekers. Come una cucina vegetale moderna richiede in ogni piatto sono ben distinguibili tutti gli ingredienti associati con attenzione ai valori nutrizionali, al gusto e ai colori. Questi ultimi sono molto importanti dato che i nostri occhi sono i primi a giudicare un piatto e a guidarci alla scoperta dei suoi sapori. Gli ingredienti sono vari e molteplici e questo richiede un impegno maggiore nell’operazione spesa anche in direzione biologica. Non è il caso però di spaventarsi: più ingredienti si usano e più la nostra cultura del mondo vegetale aumenterà. Frank Fol è l’ideatore del progetto We’re Smart col quale ogni anno premia i migliori ristoranti del mondo che privilegiano i vegetali nel loro menu anche senza essere completamente vegetariani o vegani. Di lui abbiamo scritto qui.

 


Lascia un commento

I migliori ristoranti veg premiati da We’re Smart®

Interpretazione del cavolfiore di Culina Hortus

Non sappiamo ancora come torneremo nei ristoranti, né quando potremo a tornare facilmente a viaggiare per aggiungere alle nostre esperienze culturali anche quelle culinarie. E non sappiamo nemmeno quali locali ci saranno ancora o si saranno trasformati. Come The Vegetarian Chance siamo in ogni caso certi di una cosa: i ristoranti dovranno sempre di più assecondare le istanze ambientaliste e salutistiche del pubblico. In diversi lo hanno già fatto e tra questi ci sono quelli che hanno partecipato alle diverse edizioni del nostro concorso e tutti quelli segnalati ogni anno dai nostri amici belgi di We’re Smart®, che anche in un 2020 così complicato non hanno rinunciato a presentare il 4 maggio la loro We’re Smart® Green Guide, che segnala il meglio del mondo culinario delle verdure, cioè i ristoranti, che più di altri danno spazio nel loro menù ai vegetali. A chi ha scelto di essere vegetariano e vegano We’re Smart® ha dedicato riconoscimenti speciali. Quest’anno i vincitori dei Best Vegetarian e Best Vegan Restaurants Award sono stati il Culina Hortus (Lione, Francia) e il Vanilla Black (Londra, Regno Unito).

La We’re Smart® Green Guide 2020 propone recensioni e valutazioni di quasi 1000 ristoranti in 43 paesi classificati da 1 a 5 ravanelli, a seconda della quantità di verdure che utilizzano nei loro piatti. L’evento programmato per il primo giorno della Settimana della Frutta e della Verdura promossa da We’re Smart® si è svolto online e a condurlo è stato l’ideatore e fondatore del progetto lo chef Frank Fol, tutto l’anno in viaggio per conoscere i ristoranti, che poi andranno a far parte della guida. Come The Vegetarian Chance We’re Smart® promuove un ripensamento dei modelli di produzione e consumo del cibo in favore di un mondo più sano e migliore

Il primo ristorante premiato, il Culina Hortus di Lione, è nato da un’idea dei francesi Thomas Bouanich e Maxime Rémond e del giovane Adrien Zedda (24 anni), Chef de Cuisine Propone alta cucina al 100% vegetariana. Secondo Frank Fol “Zedda trasforma le verdure in una vera e propria festa con una creatività eccezionale, che si traduce in piatti raffinati, ben equilibrati, sani e soprattutto deliziosi”. Il britannico Vanilla Block di Holborn, premiato nella categoria vegana, è stato invece creato da Andrew Dargue e da sua moglie Donna Conroy con l’intento di sfidare i luoghi comuni non solo della cucina vegetariana, ma del cibo in generale. Nel motivare la premiazione Fol ha spiegato: “Le combinazioni, le consistenze e i sapori sorprendenti di Vanilla Black, senza l’uso di un grammo di carne, sono sufficienti per convertire anche il carnivoro più ostinato».

We’re Smart® ha dato appuntamento al 21 settembre quando saranno annunciati Future Awards 2020. Tra questi: il migliore ristorante di verdure al mondo, l’Innovation of the Year. Premi saranno anche assegnati ai Best Vegetables Restaurant in 13 paesi.

 

 


Lascia un commento

Smart World premia ad Amsterdam i migliori ristoranti vegetali del mondo. In Italia vince Piazza Duomo di Alba

Frank Fol, fondatore di We’re Smart, ad Amsterdam durante la presentazione dell’evento

Il miglioramento della ristorazione in senso vegetale non può passare solo dai ristoranti vegetariani e vegani, ma deve necessariamente passare anche dalla ristorazione generalista di qualità. A questo ha pensato il progetto belga Smart® World , che ogni anno premia in Europa i ristoranti che più si sono distinti nella qualità vegetale dei loro menu. Quest’anno la premiazione di Best Vegetables Restaurant of the World® si è svolta ad Amsterdam il 6 maggio da QO, hotel ecologico all’avanguardia nella sua seconda edizione internazionale. Smart® World non si limita ad attribuire premi, ma provvede anche a pubblicare We’re Smart®Green Guide, tutti gli indirizzi utili per chi viaggiando vuole mangiare sano e dare un riconoscimento a chi ha scelto di aprire al cambiamento.

La missione di Smart® World è quella di riunire persone e aziende che operano in favore della salute e della sostenibilità nel campo del cibo cercando di imparare gli uni dagli altri e rafforzandosi a vicenda. Per tutti l’unico scopo è quello di permettere alla nostra società di evolvere verso soluzioni più intelligenti per i nostri corpi, la natura e il pianeta. Best Vegetables Restaurant of the World®, We’re Smart®Green Guide sono progetti che contribuiscono a questo” si legge nel documento fondante del progetto. Creatore del progetto è Frank Fol, Vegetal Chef®. Fol è stato il proprietario del ristorante stellato Michelin Sire Pynnock a Leuven (Lovanio) in Belgio. Verdure e tutti i prodotti della terra sono sempre stati una sua grande passione letteralmente coltivata per 25 anni ed espressa nella sua cucina. Oggi insegna, fornisce consulenze, organizza workshop in tutto il mondo. «Oggi, vivere una vita sana ed equilibrata, consumare risorse sostenibili, proteggere il nostro ambiente è diventata una priorità in tutto il mondo. Non è solo una preoccupazione, ma anche una necessità della nostra vita quotidiana. Nuove iniziative e progetti per la nostra vita e il futuro del pianeta nascono in tutti gli angoli del globo. Lo vedo personalmente non solo nel mio paese, il Belgio, ma in tutti i luoghi che visito durante i miei viaggi. Ed è proprio osservando questo fenomeno  che mi sono convinto ad ampliare l’approccio dei miei progetti. Per me e per tutte le persone che ho incontrato durante i miei viaggi sento il bisogno di valorizzare il lavoro che tutte queste persone fanno per promuovere una filosofia vegetale. Così al mio progetto ho dato il titolo «Pensa alle verdure! Pensa alla frutta! ». Per l’Italia quest’anno ad essere premiato è stato il ristorante di Enrico Crippa, Piazza Duomo d’Alba. Lo scorso anno il premio era andato a Pietro Leemann con il suo Joia.

Frank Fol (a destra) con i premiati

Ecco i premi attribuiti quest’anno da Smart World

Smart ® Future Awards World 2019

I premi Future sono assegnati a persone e aziende che si impegnano in modo speciale con attività, prodotti e promozioni, per diffondere la filosofia vegetale e per evolvere con noi in un mondo più sano indirizzato verso scelte più ecologiche e sostenibili.

Comunicazione dell’anno: Act for Food – Carrefour
Innovazione dell’anno: Pépites – Bonduelle
Negozio online / Progetto dell’anno: Too Good To Go – toogoodtogo.nl
Personaggio dell’anno: Tobias Lenaerts – The Vegan Strategist
Prodotto dell’anno: Kalettes – Tozer Seeds
 Progetto dell’anno: Food Made Good – SRA
 Media dell’anno: Cook Magazine

Smart® Green Guide Awards 2019

Migliori ristoranti vegetariano e vegano 2019:

Miglior ristorante vegetariano World: The Green Spot – Barcellona
Miglior ristorante vegano World: Humus & Hortense – Bruxelles

 

Migliori ristoranti vegetali 2019:

Alla nomination per il Best Vegetables Restaurant Award sono arrivati 39 ristoranti di 13 paesi (3 per paese)

 

 

 

 

 

I vincitori

SUDAFRICA: LA COLOMBE – Silvermist
BELGIO: ARABELLE MEIRLAEN – Marchin
PAESI BASSI: BORD’EAU – Amsterdam
REGNO UNITO: RIVERFORD FIELD KITCHEN – Devon
AUSTRIA: PICEA – Lech am Arlberg
SPAGNA: EL INVERNADERO – Madrid
FRANCIA: LE PRIEURE – Villeneuve-lès-Avignon
ITALIA: PIAZZA DUOMO – CASA DI CAMPAGNA Alba
USA: FARM SPIRIT – Portland / Oregon
GIAPPONE: VILLA AIDA – Wakayama
DANIMARCA: GEMYSE – Copenaghen
GERMANIA: CREMA DI COOKIES – Berlino
SVEZIA: RUTABAGA – Stoccolma