The Vegetarian Chance

Nothing will benefit human health and increase chances of survival for life on earth as much as the evolution to a vegetarian diet (Albert Einstein)


Lascia un commento

L’osservatorio di Lifegate: Milano sostenibile mangia meno carne:

In un anno a Milano le persone che hanno deciso di limitare il consumo di carne sono salite dal 30 al 34 per cento (+6% rispetto al resto d’Italia), mentre i vegetariani/vegani sono rimasti stabili al 4 per cento. Questi dati sono parte della ricerca Milano Sostenibile, 2° Osservatorio sullo stile di vita dei cittadini realizzata da Lifegate in collaborazione con Eumetra MR e Ricola come partner. Riguardo all’alimentazione la ricerca ha messo in luce altri dati interessanti. Il 50% degli intervistati dice di sapere bene cosa sia l’alimentazione sostenibile (38% nel 2017), mentre il 24% non ne sa nulla (17% nel 2017). L’agricoltura biologica è considerata dall’82% (77% nel 2017) degli intervistati una delle principali azioni da intraprendere in favore della sostenibilità. In grande aumento i “tifosi” dei comportamenti sostenibili legati ad alimentazione e cura: 27% nel 2018 contro il 5% nel 2017. Il 38% dichiara di consumare alimenti a km zero, mentre per quelli biologici la percentuale scende al 29%. Il 69% (62% nel 2017) percepisce che in generale a Milano si mangi sempre più sano.  E per seguire questa tendenza il 44% (il 39% nel 2017) è disposto a spendere di più per acquistare prodotti da agricoltura biologica. L’alimentazione è insieme all’energia l’aspetto della sostenibilità, che più interessa i cittadini di Milano, città ancora troppo povera di mercati tematici biologici e a km 0 desiderati dal 50% degli interpellati. Infine i convinti che il tema sostenibilità non sia una moda sono il 55% (54% nel 2017) contro il 41% (42%) nel 2017) che ha un’opinione opposta. L’Osservatorio di Lifegate incoraggia a pensare che a Milano come anche nel resto d’Italia la tendenza a ridare centralità alle nostre scelte alimentari sia univoca e incoraggiante. Le scelte dei consumatori pesano sull’offerta di produttori ed esercenti. Se oggi troviamo più prodotti bio o a km zero, più cibo a base vegetale, prodotti industriali con ingredienti più selezionati questo è dovuto alla domanda e a un’informazione più capillare sulle conseguenze dell’alimentazione sulla nostra salute. Tuttavia la sensazione è che come dice Christian Regouby, fondatore del Collège culinaire de France, nel libro Mangiare è un atto civico scritto (Einaudi, 2018) con Alain Ducasse: «Non abbiamo mai avuto a disposizione una tale quantità di risorse e prodotti. E ciò nonostante non abbiamo mai mangiato così male; non sappiamo più che cosa mangiamo; siamo incapaci, il più delle volte, di dire da dove vengono i prodotti, che consumiamo, come sono stati lavorati». La strada per la consapevolezza è ancora lunga, ma forse una rivoluzione è iniziata e il sondaggio di Lifegate sembra indicarlo.


Lascia un commento

The Vegetarian Chance 2015 Second edition it/eng

Alberto Quadrio con le collaboratrici del JoiaNell’anno dell’Expo The Vegetarian Chance torna a Milano per la sua seconda edizione che si svolgerà l’8 giugno alla Cascina Cuccagna. Molte le novità previste per questa edizione. Al centro del programma ci sarà il concorso internazionale, che metterà confronto cuochi di tutto il mondo. Il regolamento è stato rivisto e prevederà quest’anno la possibilità di usare in uno dei due piatti i latticini, che invece lo scorso anno non erano consentiti. Più giovane anche l’età dei partecipanti che potranno avere anche 21 anni. Per tutti l’obbligo di presentare un piatto della propria tradizione locale e un piatto a scelta. Il bando è partito in questi giorni e l’ultima data utile per presentarsi alla selezione è il 30 aprile 2015. Ma non ci sarà solo il concorso. Il programma comprenderà anche dei cooking show aperti al pubblico. Quest’anno The Vegetarian Chance sarà gemellato con Ortinfestival 2015, Festival Gastronomico degli Orti Contemporanei, che si svolgerà a Torino a La Venaria Reale dal 30 maggio al 2 giugno. Ortinfestival Ortinfestival, visitato nel 2014 da quasi 40mila visitatori, celebra l’agricoltura, il ritorno alla terra, in una visione contemporanea. In programma: spettacoli, showcooking, shopping e design ecologico. Ideatore e organizzatore del Festival è Vittorio Castellani, da quest’anno anche tra gli organizzatori di The Vegetarian Chance.

English version

In the Expo year The Vegetarian Chance returns to Milan for the second edition, that will be held on June 8 in Cascina Cuccagna. The core of the program will be the international contest, with the participation of chefs from around the world. The rules has been revised and will offer the opportunity to use in one of the two dishes dairy products, that last year were not at all allowed. The age of the participants will be lower and it will be starting from 21 years. Every chef should propose a dish a dish of his local tradition and a dish of his choice. The deadline for submitting the recipes is April 30, 2015. In addition to the contest the program will include  workshops open to public. This year, The Vegetarian Chance will be twinned with Ortinfestival 2015, Gastronomic Festival of Contemporary Kitchen Gardens, which will be held in La Venaria Reale in Turin from 30 May to 2 June. Ortinfestival, visited in 2014 by almost 40 thousand visitors, celebrates agriculture, return to the land, in a contemporary vision. On the program: performances, show cooking, shopping, and eco-friendly design. Creator and organizer of the festival is Vittorio Castellani, this year also one of the organizers of The Vegetarian Chance.