The Vegetarian Chance

So I am living without fats, without meat, without fish, but am feeling quite well this way. It always seems to me that man was not born to be a carnivore."(Albert Einstein) August 3, 1953


Lascia un commento

Crisi di governo: la questione ecologica non ha avuto la fiducia

Il prof. Paolo Pileri ha ascoltato tutti i discorsi dei senatori intervenuti in aula il 19 gennaio 2021 per dire la loro sulla crisi e sul governo. Dieci ore per trovare traccia della questione ambientale, dell’ecologia, del cambiamento climatico. Il risultato è sconfortante. Su 57 dichiarazioni, solo una ha rivolto attenzione ai temi urgenti

Sorgente: Crisi di governo: la questione ecologica non ha avuto la fiducia


Lascia un commento

Fermiamo l’agricoltura industriale

L’alleanza GoodFoodGoodfarming sostenuta in Italia da Cambiamo l’Agricoltura lancia un nuovo appello per un profondo cambiamento nella politica agricola dell’UE. 

Dobbiamo migliorare radicalmente il modo in cui gestiamo la nostra terra, ricreare lo spazio per la natura e aiutare i nostri agricoltori a proteggere gli animali, i corsi d’acqua e il clima. Ma i nostri governi stanno per decidere una nuova politica agricola dell’UE che non è adatta allo scopo. Unisciti alla nostra iniziativa sull’impronta ecologica e chiedi al tuo governo di intensificare l’azione sulle riforme agricole! Aggiungi la tua richiesta e #WithdrawtheCAP!

We need to radically improve the way we manage our land, re-create space for nature and help our farmers protect animals, waterways and the climate. But our governments are about to decide on a new EU farming policy that is not fit for purpose. Please join our footprint photo action and demand that your government steps up action on agricultural reforms! Add your demand and #WithdrawtheCAP!

 

Ed ecco un esempio di progetto virtuoso dalle Germania diffuso da Cambiamo l’agricoltura. Seminiamo un futuro migliore.

The Vegetarian Chance ha aderito alla coalizione Cambiamo l’Agricoltura


Lascia un commento

La lezione dell’Agricoltura Biodinamica: un convegno di tre giorni

Appuntamento online con l’agricoltura biodinamica il 12 e il 30 novembre e poi ancora il 10 dicembre. In queste giornate si svolgerà il 36° convegno internazionale Un’agricoltura di salute, ricerca, innovazione e formazione per il futuro della terra. La prima sessione prevista per giovedì 12 novembre nel pomeriggio si soffermerà sulle basi scientifiche dell’agricoltura biodinamica. Tra i più di cinquanta relatori vi saranno agricoltori, docenti universitari, rappresentanti delle istituzioni, esponenti dell’associazionismo, imprenditori. Nel presentare l’evento l’Associazione per l’agricoltura biodinamica ha spiegato: «Scopo del convegno è quello di porre l’attenzione sul valore del lavoro degli agricoltori biodinamici per la salute umana e dell’ambiente. Serve a sostenere la collaborazione tra contadini e ricercatori impegnati per il futuro della Terra e supportare gli agricoltori nel miglioramento delle proprie tecniche. Per questo saranno presentati metodi innovativi e soluzioni inedite, insieme a grandi riflessioni spirituali ed esempi contadini che vanno dritti al cuore». Tra gli interventi più significativi  ne segnaliamo due: 1) Il 12 novembre alle 18.00 Nadia El-Hage Scialabba Esperta internazionale di ecologia alimentare, già dirigente FAO responsabile del programma inter-disciplinare per l’agricoltura biologica Agricoltura biodinamica e scienza. 2) Il 10 dicembre in apertura di sessione Franco Berrino Medico epidemiologo dell’Associazione La Grande Via  parlerà su La ricerca epidemiologica su biologico, biodiversità e prevenzione del cancro. Berrino nel 2017 è stato giudice al concorso The vegetarian chance.

Franco Berrino a TVC 2017 insieme a Davide Oldani

La diretta video, realizzata da Agricolturabio.info,  si potrà seguire qui e sulle pagine social degli organizzatori senza bisogno di registrarsi. Media partner dell’evento sono inoltre Terra e Vita Terra Nuova.

L’agricoltura biodinamica va oltre la mera tecnica per proporre pratiche ecologiche basate su un pensiero. La sua nascita risale a un meeting di agricoltori tedeschi del 1924 e al quale prese parte Rudolf Steiner, filosofo, ricercatore e fondatore dell’Antroposofia. In quell’occasione furono divulgate per la prima volta prime sperimentazioni in grado di dare una risposta all’agricoltura chimica allora in grande sviluppo.

L’Agricoltura Biodinamica nacque nel 1924 in occasione di un meeting organizzato da agricoltori tedeschi, che invitarono Rudolf Steiner, filosofo, ricercatore e fondatore dell’Antroposofia, a illustrare le prime sperimentazioni in grado di rispondere ai primi problemi dell’agricoltura chimica all’epoca in rapida diffusione. Emerse in quel frangente una nuova visione della natura e dei suoi fenomeni. Una natura non da asservire all’uomo, bensì da assecondare e della quale sentirsi parte. Furono poste le basi per una concezione “olistica” delle aziende agricole alle quali si proponeva di essere in relazione con l’ambiente, con la Terra, con i pianeti e con le costellazioni. Gli esseri viventi, uomini, animali e piante sono interconnessi in forma complessa e non puramente causale. La figura dell’agricoltore fu rappresentata non solo come produttore di beni, ma come creatore di vitalità e prodotti sani. Il metodo biodinamico rivaluta il ruolo dell’agricoltore che ci dà da mangiare e del quale troppo spesso non sappiamo nulla e neanche ci sforziamo di saperlo. L’emergenza climatica incombente ci sta costringendo a imparare e sapere che disporre di cibo e nutrimento è tutt’altro che scontato e automatico.