The Vegetarian Chance

So I am living without fats, without meat, without fish, but am feeling quite well this way. It always seems to me that man was not born to be a carnivore."(Albert Einstein) August 3, 1953


Lascia un commento

Memento mori. Era il 1992. Severn Cullis Suzuki parlava all’Onu.

Severn Suzuki anticipò Greta Thunberg. Non l’hanno ascoltata. Ascolteranno Greta?


Lascia un commento

We are unstoppable, another world is possible. Riprende da Milano la lunga marcia dei Fridays for Future

Salviamo la Terra (1)

Vanessa a Fridays for Future

Vanessa Nakate, attivista ugandese, sul palco di Milano

Venerdì 1 ottobre e poi anche sabato 2 a Milano decine di migliaia di giovani hanno manifestato per la «giustizia climatica» chiedendo ai governi della Terra quella svolta che invocano già da tempo e che non sembra vicina. Basta con il «bla bla bla», vogliamo i fatti, ha tuonato Greta Thunberg che ha trovato una sua alter ego africana nella 25enne Vanessa Nakate, fondatrice due anni fa di Fridays for Future in Uganda. Questa dimensione globale delle manifestazioni di Milano è uno degli aspetti più importanti di questo risveglio delle nuove generazioni che vogliono essere protagoniste del loro futuro da subito e non da domani quando il sistema tenterà di fagocitarli nel suo ormai insostenibile vortice delle produttività e della crescita infinita. Sul palco di Milano in piazza Damiano Chiesa sono saliti insieme agli italiani anche cileni, brasiliani, africani, europei. Tutti uniti da un unico messaggio: «We are unstoppable, another world is possible» e a sorpresa anche da «El pueblo unido, jamás será vencido». Peccato che sul palco non siano saliti gli Inti Illimani, che probabilmente ancora oggi con la loro canzone sarebbero capaci di trascinare le folle. È il concetto di unità e solidarietà che traspare da quello slogan e da quella canzone ad avere ancora oggi così tanta forza che nel pronunciare quelle parole sono apparsi anche dei «pugni chiusi». D’altra parte è difficile urlare degli slogan senza accompagnarli con una gestualità. Guardandoci indietro di oltre cinquant’anni sappiamo quanto quel «popolo unito» rimase in gran parte fittizio, ma anche quanto la forza della protesta e della mobilitazione abbia potuto fare da traino alla conquista di diritti civili e sociali, mentre i temi ambientali non erano percepiti come urgenti. Allora come oggi il nemico del cambiamento è il sistema, che nel tempo ha dimostrato una forza camaleontica incredibile nell’assorbire le proteste per poi proseguire nell’applicare la ricetta dello sviluppo e della crescita come unica strada per il «bene comune».

Greta a Fridays for Future ritagliata-1 (trascinato)

Greta Thunberg sul palco di Milano

Lo ha spiegato bene a Milano Greta Thunberg: «La lotta al cambiamento climatico richiede tutta la nostra capacità di innovazione, cooperazione e determinazione per realizzare quei cambiamenti di cui il pianeta ha bisogno. Con fatti e non solo parole, tutti insieme ce la faremo. Le parole “cambiamento climatico”, a voi cosa evocano? A me fanno pensare “posti di lavoro”, di lavoro green, molto green. Occorre trovare una transizione morbida verso un’economia a emissioni ridotte. Non abbiamo un pianeta B. Non abbiamo un pianeta bla – bla bla bla, bla bla bla… Non parliamo di un costoso gesticolare di correttezza politica green e accarezza-cuccioli o bla bla bla… Ripartiamo col Recovery bla bla bla…Economia green bla bla bla…Zero netto al 2050 bla bla bla… Zero netto bla bla bla…Impatto zero bla bla bla…Sono queste le cose che sentiamo dalle bocche dei nostri presunti “leader”. Parole, tante parole, tutte ad effetto, ma che finora hanno portato a zero fatti. Annegano i nostri sogni e speranze nel loro oceano di parole e promesse vuote.Cartello giustizia climatica (1) Certo, occorre ingaggiare un dialogo, ma siamo ormai a trent’anni di bla bla bla,e a cosa è servito? Oltre il 50% della CO2 in atmosfera è stata rilasciate dal 1990 ad oggi. Dal 2005 ad oggi addirittura il 33%. E mentre avveniva, i media ci riportano solo quel che i leader dicono che faranno, anziché cosa realmente stanno facendo. E poi nessuno gliene chiede comunque mai conto di quello che fanno, o meglio: non fanno».
C’è un’urgenza ha ribadito poi Greta: «La speranza non è stare a guardare. La speranza non è bla bla bla. La speranza è dire la verità. La speranza è agire di conseguenza. E la speranza viene sempre dalle persone comuni. E noi, noi persone, vogliamo un futuro salvo, vogliamo vere azioni a salvaguardia del clima, e vogliamo giustizia climatica. Mi avete sentita? Cosa vogliamo? GIUSTIZIA CLIMATICA! Quando la vogliamo? ORA! I nostri “leader” dicono volentieri “ce la possiamo fare”. Ma lo dicono per finta, mentre noi lo diciamo sul serio. Noi possiamo farcela. Ne sono straconvinta. E parte dalle persone. Parte dal confronto con la realtà, per quanto possa essere doloroso. Parte con azioni vere, e parte ora e qui. Ancora: Cosa vogliamo? GIUSTIZIA CLIMATICA! Quando la vogliamo? ORA!».
Greta da un lato fa appello alle persone, dall’altro si appella ai governi che hanno in mano gli strumenti per cambiare le politiche. Come si può arrivare a un’inversione di rotta? Partendo dal basso o dall’alto o più facilmente da una combinazione di entrambi? Pretendere «la rivoluzione» dagli stessi responsabili del danno può sembrare un paradosso, ma invocare una «rivoluzione proletaria» di marxiana memoria non ha più senso. E non perché non esistano enormi disparità sociali o lavoratori e popoli sfruttati, ma perché esiste ormai la consapevolezza che lo sfruttamento non è più solo delle donne, degli uomini e dei bambini, ma lo è anche massivamente degli animali, delle piante, del suolo, del sottosuolo, delle acque. La corsa all’accaparramento di risorse umane e naturali sembra inarrestabile. Eppure sappiamo che le risorse del nostro Pianeta sono «finite» e non «infinite» come erroneamente il sistema capitalistico lascia intendere. Antother world is necessary (1)L’emergenza climatica, che colpisce più violentemente i paesi più deboli economicamente, è avvertita anche in Europa, negli Usa, in Australia. I possessori delle ricchezze e gli sfruttatori delle risorse stanno comprendendo che il loro benessere non è destinato a durare in eterno. E allora tutti si riempiono la bocca di sostenibilità, di «bla, bla, bla» pensando di poter rimandare quanto più possibile il problema. Proprio della contrapposizione tra realtà vera e rappresentata parla il film presentato in questi giorni a Cinemambiente Animal di Cyril Dion che racconta il viaggio di due giovani attivisti, i sedicenni Bella Lack, londinese, e Vipulan Puvaneswaran, parigino, in giro per il mondo per vedere da vicino la realtà per la quale stanno lottando. Entrambi vegani e ambientalisti si muovono con curiosità e spirito critico tra allevamenti di conigli in Francia e «giacimenti» di plastica in India.

Animal_05

Animal_03

Bella Lack, londinese, e Vipulan Puvaneswaran, parigino in Africa (in alto) e in India su una spiaggia di plastica (sopra). 

Si rendono conto che la sesta estinzione di massa è già in corso e che gli insediamenti umani sono delle bolle che creano l’illusione di poter vivere separati dalla natura. Quelli che sono chiamati «consumatori», ma sono in realtà «cittadini», «persone» hanno una grande forza. Possono orientare la produzione di cibo, per esempio. Già oggi vediamo crescere l’offerta sul mercato di prodotti sostitutivi della carne, dei latticini e persino dei pesci. Significa che c’è domanda, che i cittadini più ricchi del mondo, quelli che inquinano di più, stanno acquisendo consapevolezza. Ma non basta. Ci vorrà presto anche uno sciopero dell’hamburger!


Lascia un commento

Biodiversità e memoria. Tre storie del Locarno Film Festival in Paraguay, Polonia e Cambogia

Apenas-el-sol_Still01

Mateo Sobode Chiqueño nel docufilm Apenas el sol registra in Paraguay canti e racconti di altri Ayoreo come lui per preservarne la cultura.

Nella biodiversità c’è la memoria della Terra, un sapere che non possiamo permetterci di perdere. E in questa biodiversità ci siamo anche noi esseri umani con i nostri saperi e le nostre culture. Più ci omogeneizziamo culturalmente, più diventiamo ignoranti. Più cancelliamo ciò che erroneamente consideriamo primitivo e meno sapremo gestire un futuro, del quale oggi improvvisamente abbiamo timore. Diversi sono i popoli in via di estinzione nel mondo, uno di questi sono gli Ayoreo, che hanno vissuto a lungo nella foresta paraguayana senza contatti con la civiltà bianca. Di loro ci ha raccontato al Locarno Film Festival il docufilm Apenas el Sol inserito nella sezione Panorama Suisse e diretto dal regista Arami Ullón.  La macchina da presa segue Mateo Sobode Chiqueño, che con un vecchio apparecchio a cassette registra le testimonianze di altri Ayoreo come lui costretti a lasciare il loro habitat, la foresta. Ne deriva un quadro struggente che mette sotto accusa l’industria agricola e i missionari religiosi che hanno operato per mettere sotto il loro controllo l’area. Gli Ayoreo così sradicati dalla foresta si sono improvvisamente ritrovati poveri e ammalati. L’equilibrio della loro vita è stato rotto. Nel loro ambiente erano sani e «ricchi» delle loro conoscenze e abitudini. Il ritorno nella foresta è la soluzione e Mateo si sottopone a un rito speciale, che lo spinga a tornare alle origini. 

Danusia con i suoi cani nel film polacco Bukolica

Lontane dalla modernità per scelta vivono anche Danusia e la figlia Basia, protagoniste del film polacco Bukolika presentato nella sezione Settimana della critica e diretto da Karol Palka. Le due donne vivono in una sorta di bolla dove una routine quotidiana le pone tutti i giorni in contatto con  la natura, che non è fatta solo di piante e animali, ma anche si spiriti dei morti, con i quali dialogare e dei quali avere timore. Non è una vita semplice e il regista con mano leggera e rispetto segue le due donne senza interferire. Crea così una sorta di affresco che ci ricorda, se ce ne fosse bisogno, che vivere nella natura comporta fatica e soprattutto un approccio diverso al mondo moderno. Danusia e Basia sono consapevoli della propria scelta e mantengono un contatto con la modernità. Cosa c’è di più moderno del loro inforcare la bicicletta? Ma stanno bene così, hanno trovato un loro equilibrio.

Nel cortometraggio cambogiano Side by Side, presentato nella sezione Open Doors, il tema è il passaggio della memoria tra le generazioni. Una coppia di abitanti di un villaggio rurale racconta alla nipote la storia del loro matrimonio sotto la dittatura dei Khmer Rossi. Il giovane Polen Ly, che ha diretto e prodotto il film, descrive come da un connubio imposto sia poi nato col tempo l’amore. L’imposizione alla fine non cancella i sentimenti per sostituirli con rigidi automatismi molto simili a quelli che ci impone oggi la tecnologia. Polen Ly accompagna lo spettatore in una realtà dove il cibo si raccoglie direttamente dalla natura tutti i giorni. In primo piano l’enorme jackfruit molto nutriente e sostitutivo della carne come molti vegani sanno anche in Italia. Nipote e nonni lo raccolgono come un dono della natura. 

Nonna e nipote raccolgono jackfruit

Nel cortometraggio Side by Side nonna e nipote raccolgono il nutriente e voluminoso jackfruit per i loro pasti