The Vegetarian Chance

So I am living without fats, without meat, without fish, but am feeling quite well this way. It always seems to me that man was not born to be a carnivore."(Albert Einstein) August 3, 1953


Lascia un commento

A Milano da Radice Tonda due serate con la cucina Shoijin

 

Le creazioni veg di Masaaki Yanagisawa a Radice Tonda a Milano

Prima il sushi e adesso anche il ramen  ci hanno trasmesso in questi anni una percezione distorta della cucina giapponese: sapori e consistenze banali, ripetitivi e coperti da eccessi di sale, zucchero o spezie piccanti. Varietà, delicatezza, estetica, equilibrio nutrizionale sono invece le qualità della gastronomia giapponese, che raggiunge le vette più alte con i suoi piatti vegetariani, quelli della cucina Shoijin. La sua origine risale al sesto secolo quando il buddismo fu importato in Giappone dalla Cina. La cucina Shoijin insegna come verdure e cereali possono coprire tutto il fabbisogno nutrizionale di una persona e soddisfare il gusto. Verdure e cereali rispecchiano il suolo e il clima in cui sono stati coltivati e contengono la saggezza e la creatività degli esseri umani. Non per caso nei monasteri giapponesi il monaco cuoco gode della più alta considerazione. Un assaggio di questa preziosa cucina si può avere a Milano al ristorante bio e veg Radice Tonda (Piazza Bruno Buozzi, 5) martedì 20 e 27 giugno dalle 20.30. Lo chef Masaaki Yanagisawa, originario della provincia di Chiba in Italia dal 1992, preparerà un menu di sei portate, ognuna con sapori e consistenze diverse. Una cucina semplice nella realizzazione e originale nell’accostamento dei sapori e dei colori. La cucina Shoijin ebbe un suo spazio nella seconda edizione del Festival The Vegetarian Chance  (7 giugno 2015, Cascina Cuccagna) quando ospitò con uno show cooking lo chef Toshio Tanahashi, maestro di quel tipo di cucina.

Toshio Tanahashi a TVC 2015 mentre pesta il sesamo in un mortaio, un gesto gastronomico e insieme terapeutico

L’insegnamento di Tanahashi era che «Dobbiamo vivere una vita consapevole insieme ai nostri 60 trilioni di cellule del nostro corpo e usare nell’alimentarci tutti i nostri cinque sensi. In questo modo scopriremo come il nostro corpo diventa sano e così anche la nostra anima». Un giapponese è stato protagonista anche del concorso TVC 2017. Si tratta di Hitoshi Sugiura, che ha presentato Mazzolino e Tortelli di mais con salsa di soia alle nocciole.