The Vegetarian Chance

Nothing will benefit human health and increase chances of survival for life on earth as much as the evolution to a vegetarian diet (Albert Einstein)


Lascia un commento

Cook e RFood: vegetariani, vuoti a perdere

Una copertina di RFood dedicata al mais

Cook, il supplemento del Corriere della Sera

Dopo Repubblica con RFood anche il Corriere della Sera ha pubblicato con Cook il suo supplemento dedicato alla cucina. Il primo è settimanale e il secondo è mensile. Entrambi sono molto ricchi di notizie e servizi. A entrambi non sfugge nulla. Tengono fede al nome tanto che il supplemento di Repubblica parla più di cibo in genere, quindi prodotti, mentre il secondo si dedica di più a cuochi e ricette. Cosa manca in entrambi? Uno spazio specifico dedicato dedicato alla cucina vegetariana e vegana. Era obbligatorio metterlo? Ovviamente no. Di vegetali si parla, di cucina sana pure e allora perché mettere troppo l’accento su un tipo di “cucina”, che è considerato divisivo, che può disturbare la quiete di produttori e consumatori? Il rapporto di causa/effetto tra produzione intensiva di prodotti animali e danni all’ambiente è sempre più evidente, ma la fetta di prosciutto è lì, nel piatto o soprattutto davanti agli occhi. Forse, però, non è solo il timore di perdere lettori o inserzionisti che ha motivato questa scelta dei due primi quotidiani italiani. Sorge il dubbio che vegetarianismo e veganismo non siano considerati dai giornalisti di settore davvero una cucina. Con il concorso di The Vegetarian Chance ci sforziamo di dimostrarlo da cinque anni. Nel mondo della gastronomia vegetarianismo e veganismo sono percepiti diversamente: pratiche o regimi alimentari, filosofie o stili di vita. Se da una parte è pur vero che la scelta vegetariana e ancor più quella vegana sottintendono un pensiero, una scelta consapevole, dall’altra è ormai assodato che la cucina a base di vegetali non solo esiste e ha una sua specificità, ma è anche sempre più nuova, moderna e di alto livello. I cuochi che hanno partecipato a The Vegetarian Chance dal 2014 come concorrenti, ma anche come giudici con Pietro Leemann (Gualtiero Marchesi, Enrico Bartolini, Antonia Klugmann, Davide Oldani, Aimo Moroni, Cesare Battisti) hanno “certificato” il valore gastronomico di una cucina senza prodotti animali. D’altra parte non parliamo più di persone stravaganti, quali erano una volta considerati i vegetariani, ma piuttosto di un pubblico crescente e giovane, che guarda al mondo vegetale con occhi nuovi. E sembra che le grosse aziende alimentari se ne siano accorte e così pure i grandi ristoranti. Viene allora da chiedersi come mai RFood e Cook siano rimasti così indietro da aver deciso di non includere i termini vegetariano e vegano nel loro vocabolario.


Lascia un commento

Rossorapa: il colore del bio

La cassetta bio di Rossorapa presentata a maggio a The Vegetarian Chance

Il vero significato di cosa significa agricoltura biologica si può recepire più compiutamente non fermandosi alla mera etichetta, ma visitando un’azienda biologica. Da Rossorapa (Paderno Ponchielli, Cremona) ogni particolare ci dà la dimensione di una scelta etica, salutare e ambientalista. Prima di tutto l’Azienda è autonoma dal punto di vista energetico. Tutte le sue serre sono coperte da pannelli fotovoltaici, che producono l’elettricità necessaria. Nelle coltivazioni si adottano tutti gli accorgimenti che in assenza della chimica (fertilizzanti e pesticidi) aiutano le piante a crescere e a produrre nelle condizioni ottimali. Così si fa uso della pacciamatura: si ricopre il terreno  con uno strato di materiale ecologico che impedisce la crescita delle malerbe, mantiene l’umidità del suolo, protegge il terreno dall’erosione, dall’azione della pioggia battente e conserva la temperatura del suolo. Ampie tettoie proteggono da intemperie violente e lasciano filtrare luce e vento necessari. Contro il vento eccessivo, che può piegare le piantine e danneggiarle, sono stati sistemati in posizione strategica filari di alberi

Benvenuti a Villaretta Paderno Ponchielli (Cremona)

Se nonostante tutti questi accorgimenti la natura e il clima si mettono di traverso non rimarrà che prenderne atto. E qui ci si va scontrare con le cattive abitudini di noi cittadini abituati a trovare e poi anche a pretendere verdura e frutta a richiesta. Ma una nuova educazione del consumatore parte anche dal produttore. Se un anno, per esempio, i meloni non ci sono Rossorapa non li acquista da un altro fornitore, ma spiega al cliente che per quest’anno conviene orientarsi su altra frutta. Con i suoi “abbonati” al servizio a domicilio Gianluca Ferrari, titolare dell’Azienda, instaura un rapporto speciale: «Una piccola comunità che condivide una visione, dei valori e uno stile di vita», la definisce. E da questo approccio c’è tutto da guadagnare e cioè: frutta maturata sull’albero, verdura di stagione, tracciata dalla semina al raccolto e sempre fresca.Rifornendosi da Rossorapa s’impara che zucchine, le melanzane, peperoni e pomodori d’inverno si mangiano solo in conserva. Il progetto che Ferrari porta avanti con sua moglie Paola Fieschi è la continuazione in chiave moderna di un’azienda agricola, Villaretta, giunta alla terza generazione.

Fresco e conservato si completano

Qui giovani dall’Italia e dall’estero sono di casa. Vengono per imparare, ma anche per insegnare. Proprio questa scelta di sostenibilità, che guarda al futuro, sembra indurre le nuove generazioni a guardare con occhi diversi un mondo, quello agricolo a lungo percepito come obsoleto e senza un futuro che non fosse quello dell’agricoltura industriale. Andando oltre la Brexit Rossorapa sta per sbarcare nel Regno Unito con ricette elaborate da Pietro Leemann usando i prodotti dell’azienda cremonese.