The Vegetarian Chance

Nothing will benefit human health and increase chances of survival for life on earth as much as the evolution to a vegetarian diet (Albert Einstein)


Lascia un commento

I migliori ristoranti veg premiati da We’re Smart®

Interpretazione del cavolfiore di Culina Hortus

Non sappiamo ancora come torneremo nei ristoranti, né quando potremo a tornare facilmente a viaggiare per aggiungere alle nostre esperienze culturali anche quelle culinarie. E non sappiamo nemmeno quali locali ci saranno ancora o si saranno trasformati. Come The Vegetarian Chance siamo in ogni caso certi di una cosa: i ristoranti dovranno sempre di più assecondare le istanze ambientaliste e salutistiche del pubblico. In diversi lo hanno già fatto e tra questi ci sono quelli che hanno partecipato alle diverse edizioni del nostro concorso e tutti quelli segnalati ogni anno dai nostri amici belgi di We’re Smart®, che anche in un 2020 così complicato non hanno rinunciato a presentare il 4 maggio la loro We’re Smart® Green Guide, che segnala il meglio del mondo culinario delle verdure, cioè i ristoranti, che più di altri danno spazio nel loro menù ai vegetali. A chi ha scelto di essere vegetariano e vegano We’re Smart® ha dedicato riconoscimenti speciali. Quest’anno i vincitori dei Best Vegetarian e Best Vegan Restaurants Award sono stati il Culina Hortus (Lione, Francia) e il Vanilla Black (Londra, Regno Unito).

La We’re Smart® Green Guide 2020 propone recensioni e valutazioni di quasi 1000 ristoranti in 43 paesi classificati da 1 a 5 ravanelli, a seconda della quantità di verdure che utilizzano nei loro piatti. L’evento programmato per il primo giorno della Settimana della Frutta e della Verdura promossa da We’re Smart® si è svolto online e a condurlo è stato l’ideatore e fondatore del progetto lo chef Frank Fol, tutto l’anno in viaggio per conoscere i ristoranti, che poi andranno a far parte della guida. Come The Vegetarian Chance We’re Smart® promuove un ripensamento dei modelli di produzione e consumo del cibo in favore di un mondo più sano e migliore

Il primo ristorante premiato, il Culina Hortus di Lione, è nato da un’idea dei francesi Thomas Bouanich e Maxime Rémond e del giovane Adrien Zedda (24 anni), Chef de Cuisine Propone alta cucina al 100% vegetariana. Secondo Frank Fol “Zedda trasforma le verdure in una vera e propria festa con una creatività eccezionale, che si traduce in piatti raffinati, ben equilibrati, sani e soprattutto deliziosi”. Il britannico Vanilla Block di Holborn, premiato nella categoria vegana, è stato invece creato da Andrew Dargue e da sua moglie Donna Conroy con l’intento di sfidare i luoghi comuni non solo della cucina vegetariana, ma del cibo in generale. Nel motivare la premiazione Fol ha spiegato: “Le combinazioni, le consistenze e i sapori sorprendenti di Vanilla Black, senza l’uso di un grammo di carne, sono sufficienti per convertire anche il carnivoro più ostinato».

We’re Smart® ha dato appuntamento al 21 settembre quando saranno annunciati Future Awards 2020. Tra questi: il migliore ristorante di verdure al mondo, l’Innovation of the Year. Premi saranno anche assegnati ai Best Vegetables Restaurant in 13 paesi.

 

 


Lascia un commento

Continua la crescita della “carne” vegetale

I piselli gialli, ingrediente fondamentale di alcuni preparati vegetali che imitano la carne

In questo periodo di crisi i consumi della carne stanno scendendo e i produttori sono in crisi. Il motivo principale sembra essere la chiusura dei luoghi di ristorazione, dove la carne è proposta da sempre in abbondanza, processata o al naturale. Minor domanda ha significato minor offerta e rialzo dei prezzi  al consumo. Non è chiaro se con la riapertura i consumi di carne torneranno a crescere restaurando le vecchie abitudini. Intanto però ciò che sta crescendo più del previsto sono i surrogati vegetali della carne come ha raccontato il 28 aprile Hélène Gully su Les Echos.

Ci sono piccole imprese, che non stanno soffrendo la crisi. È il caso delle start-up specializzate in “carne” di origine vegetale. Le loro vendite sono letteralmente esplose negli Stati Uniti, con un aumento del 265 per cento nelle ultime otto settimane rispetto all’anno precedente, secondo i dati Nielsen. La carne tradizionale, invece, non può che registrare un modesto incremento. Nello stesso periodo, le vendite sono aumentate “solo” del 39%, un aumento inizialmente legato alle riserve alimentari che gli americani avevano accumulato nel bel mezzo della pandemia di coronavirus. Questo successo della bistecca surrogata non è una novità. Ogni anno le vendite delle aziende del settore aumentano o addirittura raddoppiano, come nel caso di Beyond Meat, una star del settore, il cui fatturato ha raggiunto i 298 milioni di dollari nel 2019 rispetto agli 88 milioni di dollari di dodici mesi prima. D’altra parte, la crisi sanitaria è servita da catalizzatore.

Crisi della carne tradizionale
La nicchia delle carni senza carne beneficia infatti della sfortuna del suo alter ego. Negli Stati Uniti, infatti, la carne tradizionale sta attraversando la crisi Covid-19 soffrendo di grande instabilità. Quasi un quarto dei macelli e degli impianti di lavorazione dei suini è fermo a causa della contaminazione. Tyson Foods, JBS, Smithfield… nessun grande nome è stato risparmiato.

Carne alternativa: la proposta di Beyond Meat
Il timore di una carenza ha spinto al rialzo i prezzi all’ingrosso e quindi anche i prezzi al dettaglio. Gradualmente, i consumatori hanno iniziato a cercare alternative, compresi i prodotti che sanno di carne senza “i suoi svantaggi”.

Questo contesto di forte squilibrio tra domanda e offerta ha portato alcuni allevatori a praticare l’eutanasia alle loro mandrie, non sapendo cosa fare con i loro animali. Questo è sufficiente a far muovere l’opinione pubblica e a interrogare i consumatori sull’attuale sistema di produzione della carne. Beyond Meat e Impossible Foods, invece, insistono sul fatto che i loro prodotti non richiedono la macellazione degli animali. E le bistecche vegetali aiutano le persone non solo come alimento, ma anche come rendita economica. Infatti le azioni delle start-up del del settore sono in crescita. A Wall Street, gli investitori si sono affrettati ad acquistare azioni di Beyond Meat, che la scorsa settimana sono aumentate del 40%.


1 Commento

Pandemie e consumo di prodotti animali: il nesso

Kurt Schmidinger: via futurefood.org

Riportiamo un intervento di Kurt Schmidinger, membro del comitato scientifico della Fondazione Albert Schweitzer per il mondo che ci circonda, e pubblicato nel sito dell’istituzione.

Se si analizzano i dati sull’origine delle pandemie degli ultimi decenni, nonché quelli sull’attuale pandemia di COVID-19 e le previsioni scientifiche per le future pandemie, non si può evitare di trovare dei punti in comune. Quasi tutte le pandemie sono state e saranno originate da prodotti di origine animale o allevamenti di animali destinati al consumo. Così è anche avvenuto per l’attuale pandemia di COVID-19. Da decenni gli scienziati sono concordi sui rischi pandemici che corriamo a causa dell’allevamento industriale o dei mercati della fauna selvatica. Allo stesso tempo, stiamo andando incontro a un secondo probabile fiasco dei nostri sistema sanitari. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha messo in guardia nel 2017 contro l’uso di antibiotici nell’allevamento industriale e il rischio di formazione di germi resistenti a tutti gli antibiotici. Le stime ipotizzano che il 70-80% degli antibiotici sia utilizzato in allevamenti in tutto il mondo, e solo il restante 20/30% nella medicina umana. E tra il 2010 e il 2030 è prevista anche una crescita globale degli allevamenti. Gli antibiotici sono usati come promotori della crescita in molte regioni del mondo. L’esposizione dei batteri a questa somministrazione permanente di piccole quantità di antibiotici favorisce l’adattamento e la resistenza dei batteri.

Tre quarti dei nuovi agenti patogeni provengono da animali
Già 20 anni fa studi scientifici erano arrivati alla conclusione che tre quarti dei patogeni emergenti che minacciano gli esseri umani provengono da “fonti zoonotiche”, ovvero vengono trasmessi dagli animali all’uomo. Nel 2009, l’organizzazione agricola delle Nazioni Unite FAO e l’Organizzazione mondiale per la salute animale OIE hanno confermato questa cifra indicando un’ordine di grandezza del 70%, che per la FAO sarebbe invece già del il 75%. Recenti analisi mostrano che i cosiddetti virus RNA del regno animale costituiscono la maggior parte dei patogeni emergenti per l’uomo. L’influenza aviaria e suina, virus Nipah, Ebola, HIV e altre hanno origini zoonotiche.

Il ruolo centrale della zootecnia industriale
Nel 2008, la FAO ha insistito sul fatto che l’industrializzazione dell’allevamento, in particolare in climi caldi e umidi, che si stanno diffondendo a causa dei cambiamenti climatici, rappresenta un grande pericolo per la proliferazione nuovi agenti patogeni. E più allevamenti significa anche maggiore trasporto di animali e prodotti di origine animale, maggiore mobilità delle persone. Questa combinazione di fattori rappresenta una minaccia per lo sviluppo di pandemie. L‘allevamento industriale è particolarmente pericoloso per lo sviluppo di virus influenzali e altri agenti patogeni. Da una parte, la specializzazione crea nuovi percorsi di trasmissione, ad esempio nell’allevamento di suini attraverso la separazione tra animali in allevamento e quelli a ingrasso. Dall’altra l’elevata densità di allevamento di pollame o suini sono fattori che incoraggiano lo sviluppo di virus. Miliardi di animali in gabbia producono enormi quantità di escrementi, che possono contenere grandi quantità di agenti patogeni e che vengono smaltiti in seminativi o nelle acque sotterranee. Questa è un’altra fonte di infezione, anche per gli animali selvatici stessi. Nonostante si parli di “biosicurezza”, l’allevamento industriale è in realtà completamente aperto all’entrata e all’uscita di agenti patogeni. Dall’esterno arrivano animali da altri allevamenti, vivai o mercati, tutti i mangimi e l’acqua. All’interno si depositano enormi quantità di escrementi. Gli insetti sono altri vettori pericolosi. Sono questi i percorsi degli agenti patogeni da o verso l’allevamento industriale. I dati dell’OIE (World Organization for Animal Health) per la fine del 2005 e l’inizio del 2007 hanno mostrato che la probabilità di focolai di influenza aviaria negli allevamenti di pollame con oltre 10.000 animali era circa quattro volte superiore rispetto alle aziende più piccole e che le vie di trasmissione degli allevamenti industriali erano completamente libere. Considerando tutti i vari possibili percorsi di trasmissione è anche chiaro che la reclusione degli animali non aiuta. Al contrario: l’elevata densità di allevamento degli animali, l’accumulo concentrato di escrementi e l’uso generalmente elevato di antibiotici rendono la zootecnia intensiva con animali bloccati particolarmente problematica.

Mercati di caccia e fauna selvatica
Il fatto che il nuovo virus corona SARS-CoV-2 e quindi l’attuale pandemia di COVID-19 provenga da un mercato faunistico (un cosiddetto “mercato umido”) a Wuhan, in Cina, è attualmente quasi certo. Ancora una volta, l’ingabbiamento di animali e il consumo dei loro prodotti è la causa più probabile di una pandemia che sta mettendo a dura prova la salute e l’economia della popolazione globale. Per quanto riguarda animali selvatici, caccia e deforestazione: studi li hanno identificati come causa di trasmissione di patogeni tra specie diverse.

È impossibile prevedere come saranno i nuovi agenti patogeni
Nonostante il grave impatto sulla salute globale e sull’economia e la crescente capacità di comprensione dei processi coinvolti nell’emergere di nuovi agenti patogeni, non siamo in grado di prevederne le caratteristiche e prepararci preventivamente. Quindi d’ora in poi possiamo solo evitare le cause di nuove pandemie.

La conclusione è una sola: rinunciare all’allevamento industriale e ai mercati della fauna selvatica. Se non ora, quando?

Mentre siamo pienamente impegnati nella lotta contro COVID-19, stiamo già producendo le prossime pandemie e forse anche la fine dell’età antibiotica, con tutte le sue conseguenze sulla salute e sull’economia. Di solito i bambini toccano la stufa calda una volta sola nella loro vita, e allora perché noi come società siamo così refrattari all’apprendimento?

Nessun animale deve più vegetare e morire nell’agricoltura industriale per permettere a noi di poter mangiare succosi hamburger e croccanti bocconcini. Di recente abbiamo avuto sviluppato ottimi prodotti a base di piante. Tra qualche anno avremo anche carne sicura proveniente da cellule animali allevate in laboratorio, senza allevamento industriale, senza trasporto di animali, senza macelli e senza mercati della fauna selvatica. Invece di passare da pandemia a pandemia e provocare la crescita di germi multi-resistenti, dovremmo cogliere le opportunità del 21esimo secolo: il distacco definitivo dall’allevamento industriale e dai mercati della fauna selvatica! Altri motivi per convincerci a questo passo sono il benessere animale, la protezione della foresta pluviale e del clima globale e infine la lotta contro tutte le malattie della civiltà.

Il Dottor Kurt Schmidinger è uno scienziato e geofisico del cibo e dal 1995, quando completò i suoi studi a Graz e a Vienna, lavora a tempo pieno per il benessere degli animali. Nel 2005 ha fondato il progetto Future Food, dedicato alle alternative ai prodotti animali.