The Vegetarian Chance

Nothing will benefit human health and increase chances of survival for life on earth as much as the evolution to a vegetarian diet (Albert Einstein)


Lascia un commento

L’Expo degli insetti, dei coccodrilli, delle zebre e dei piatti non vegetariani

Lasciamo il grillo nei campi

Il grillo: meglio nei campi che nel nostro stomaco

Dopo aver messo a disposizione dei visitatori il panino al coccodrillo e alla zebra nel padiglione dello Zimbabwe adesso l’Expo ha sdoganato anche gli insetti edibili, che si potranno assaggiare nel padiglione del Belgio. Per assaggiare il coccodrillo si sono subito create lunghe code e forse la stessa cosa capiterà per gli insetti. L’industria alimentare si è già mobilitata per renderli appetibili come patatine e inserendoli persino in dolci e biscotti. Incontreranno il gusto dei consumatori? Forse. In entrambi i casi, però, non si tratta di risposte al tema di Expo. Gli allevamenti intensivi dei coccodrilli o delle zebre sono ovviamente inimmaginabili, quelli di insetti sembrerebbero più realistici, ma anche in questo caso c’è da considerare la sostenibilità, che dovrebbe tener conto dell’enorme mole di energia necessaria a produrli, conservarli e trasportarli. Si tratterebbe alla fine di una nuova forma di sfruttamento dell’ambiente. Ma intanto si cerca di conquistare i consumatori col gusto, con la novità, con la stravaganza. E il vegetarianismo continua ad avere poco spazio a Expo. Basta fare un giro dei ristoranti presenti nei diversi padiglioni per rendersene conto. I piatti vegetariani sono pochi e troppo dispendiosi soprattutto in paragone ai piatti di carne o pesce. Ecco alcuni esempi con qualche suggerimento. Il Brasile propone un solo piatto vegetariano a 22 euro (banane, riso, fagioli, voto 5), l’Angola non ne ha nessuno (succo di baobab, voto 8), la Corea del Sud ne ha uno al ristorante (spaghettini di patata dolce con verdure, voto 7) e uno al reparto snack (rotolini con kimchi e verdure, voto 8), l’Austria ha una polpetta di riso con funghi (voto 5), la Svizzera propone i pizzoccheri e la sua meringa (voto 8) l’Olanda propone in uno dei suoi food truck un hamburger alle alghe sostenibili (voto 7, ma caro 9,5 euro), l’Iran ha un solo piatto a basa di melanzane con salsa di sesamo (voto 8, ma caro 12 euro), la Turchia ha una buona scelta di piatti con cereali, legumi e verdure al forno (voto 9), Israele ha i falafel (voto 4) e il tabulè (voto 6), la Germania ha tre piatti vegetariani in menù da 9 a 12 euro (discrete le polpette di zucca e verdure con funghi), ma fa pagare l’acqua 4,5 euro, dal Cile solo carne e succhi di frutta esotica (cirimoia e lucuma, voto 9). Ci si può poi sempre rifugiare nei piatti italiani tipici o nella pizzeria del Biodiversity Park curata dai Alce Nero al padiglione della biodiversità, che garantisce pizza ben lievitata, ingredienti bio, piatti vegetariani in una gustosa picnic box e acqua fredda gratuita. A settembre The Vegetarian Chance proporrà una cena vegetariana nel padiglione di Identità Golose e due dibattiti a tema. Particolari in seguito.


Lascia un commento

Marco Tinti e Simon Press in testa alla Chef Cup

Simon Press (a sinistra) e Marco Tinti ( a destra) durante alla Chef Cup alla Terrazza di via Palestro a Milano

Simon Press (a sinistra) e Marco Tinti ( a destra) durante alla Chef Cup alla Terrazza di via Palestro a Milano

Con la Patatta al pomodoro Marco Tinti del Joia e Simon Press di Contraste si sono portati in testa alla classifica parziale della Chef Cup a pari merito con la coppia italo-svizzera formata da Iside de Cesare, del ristorante La Parolina di Trevinano (VT) e da Silvio Galizzi del Seven di Lugano, protagonisti della terza tappa. La ricetta che i due chef hanno creato in esclusiva per questo concorso è piaciuta alla giuria per la sua estetica, la combinazione di sapori e il richiamo alle tradizioni italiane ed argentina. Una “crocchetta” di pappa al pomodoro è stata congelata, poi immersa in una pastella di farina di ceci e fritta. L’effetto visivo è stato quello di una patata a tutti gli effetti, con la sua buccia. Questa “patata” è stata poi adagiata su un terriccio prodotto da pan di spagna di erba mate sbriciolato. In accompagnamento arancia grigliata e carote marinate in succo d’arancia. Patata (finta) e mate per l’Argentina, pomodoro e arancia per il mediterraneo. Il matrimonio vegetariano tra i due paesi si è compiuto perfettamente. Lo show cooking si è svolto la sera del 23 luglio alla Terrazza di via Palestro, che con la sua cucina professionale ha provveduto a far assaggiare il piatto ai trecento ospiti presenti. All’inizio dell’evento dopo la presentazione di Rossella Canevari, ideatrice di Chef Cup, Gabriele Eschenazi ha spiegato come The Vegetarian Chance operi per promuovere la cucina vegetariana di qualità attraverso il proprio concorso o partecipando a eventi come la Chef Cup. Non resta che aspettare l’inizio di ottobre per sapere se la coppia Tinti/Press targata TVC potrà accedere alla finalissima.

La Patatta al pomodoro su "terra" di erba mate firmata Simon Press e Marco Tinti

La Patatta al pomodoro su “terra” di erba mate firmata Simon Press e Marco Tinti